Un business plan è una guida, un aiuto importante per te che vuoi avviare o già gestisci un’attività. E’ vero che ti richiederà un po’ di impegno, di tempo e a volte di denaro, per la sua realizzazione, ma nel lungo periodo ne risparmierai entrambi se lo hai scritto con cura e in maniera efficace.

Come fare un business plan convincente

Durante la lettura di questa guida troverai diversi consigli e un bel po’ di risorse utili trovate in rete, a partire appunto da questa slide di Pierpalo Regnante, community manager:

Io invece, in questa guida, voglio soffermarmi sui 4 motivi principali per cui è importante realizzare un business plan:

  1. Attirare e convincere investitori (banche, business angel, altro).
  2. Avere una visione chiara di dove sei ora e di dove vuoi arrivare con il tuo business.
  3. Trasmettere questa visione ai collaboratori, soci, dipendenti, fornitori e far si che tutti vadano nella tua stessa direzione.
  4. Avere un buon piano d’azione per non essere disintegrati dal mercato.

7 punti per redigere il tuo business plan

  1. Mission
  2. Executive Summary (sintesi)
  3. Piano Marketing
  4. Piano finanziario
  5. Approfondimenti
  6. Esempi
  7. Risorse utili

Mission

La mission è una dichiarazione di intenti. In genere deve essere breve, chiara e di facile comprensione, per far si che le persone riescano a ricordarla ed associarla alla tua attività.

Perché definirla subito?

  • Motiva il tuo gruppo di collaboratori, fornitori, investitori. Se ben fatta li porta a sposare la tua causa quasi fosse la loro.
  • Rappresenta l’immagine della tua azienda.
  • Tiene ben chiari nella tua mente e in quella del tuo gruppo quali sono gli obiettivi. Anche nel tempo in cui si tende un po’ a dimenticarsene.
  • In maniera intrinseca diventano chiare fin da subito le aspettative di profitti e di crescita della tua attività.

Dedica un po’ di tempo alla realizzazione della Mission. Usa parole creative. Rendila piacevole e accattivante. Fai in modo che attiri l’attenzione del pubblico, degli investitori e di chiunque la legga.

Rispondi a queste domande:

  • Chi siamo?
  • Cosa facciamo?
  • Perché lo facciamo?
  • Cosa ci rende diversi dagli altri?

Eccone un esempio molto concreto:Siamo strateghi, creativi, nerd e comunicatori e lavoriamo duro per mostrare l’anima digitale nascosta dentro al tuo brand. Rafforziamo e integriamo la tua presenza online con quella sui mezzi tradizionali e il nostro approccio concreto rende questo processo semplice, divertente, misurabile e sopratutto redditizio. Sei pronto per una nuova e fortunata evoluzione digitale?” (Blubit. Lucky Digital Evolution)

Leggi questo breve e interessante articolo per chiarirti meglio le idee: “Come è difficile dire chi siamo!

Executive Summary (sintesi)

La sintesi è un’introduzione, la panoramica generale del tuo business plan. Solitamente si scrive per ultima e viene letta per prima dal lettore.

Ecco alcuni consigli pratici:

  • Non scrivere più di una pagina, se proprio devi massimo 2. Utilizza circa 2-4 frasi per ogni aspetto trattato all’interno. Devi attirare l’attenzione e convincere ad aprirlo per leggere i dettagli.
  • Utilizza un linguaggio adeguato, formale, corretto e non prolisso.
  • Sostituisci frasi vaghe come “la nostra azienda può avere successo in questa zona” con frasi concrete come “possiamo avere successo in questa zona grazie a (dati e fatti dimostrabili)…”
  • Nella prima parte includi ragione sociale, ubicazione, quali prodotti e servizi saranno in vendita, la mission.
  • Evidenzia i punti salienti in maniera accattivante con grafici comprensibili del margine lordo, la previsione di vendite e profitti, etc.
  • Chiarisci a te stesso a chi vuoi rivolgere il tuo business plan. Se lo scrivi prevalentemente per cercare investitori, ad esempio, enfatizza i vantaggi e la grande opportunità di investire in quel settore, l’importo richiesto e i loro possibile ritorno economico.
  • Mettiti nei panni del lettore e valuta tu stesso cosa ne penseresti se non fosse il tuo business plan.
  • Falla leggere ad una persona, conoscente o amico, che potrebbe essere interessata ma senza dirgli che è il tuo business plan.

Piano marketing

Questo non lo fa quasi nessuno ed è uno dei motivi principali e reali per cui le aziende italiane falliscono così rapidamente nel primo anno di vita o nei successivi.

Il piano di marketing serve appunto a comprendere fino in fondo il mercato in cui ti stai lanciando, se il tuo prodotto serve davvero, qual è la tua concorrenza, quali potrebbero essere i reali guadagni.

 

 

Questa parte interessa molto ai probabili investitori perché se scritta in maniera dettagliata, concreta, arricchita da dati reali, dimostra che tu hai già calcolato tutto e su di te possono scommettere.

Altra buona motivazione è che tu e il tuo team avrete le idee super chiare già in partenza.

Piano finanziario

Questa parte ti aiuterà a definire quali sono le spese e gli investimenti necessari.

La pianificazione finanziaria si divide in tre passi: conto economico, la proiezione del flusso di cassa e il bilancio.

Consigli pratici:

  • Sii onesto

Non fare false dichiarazioni. Non cercare di impressionare con dati pompati. Chi legge il business plan solitamente nel legge centinaia, quindi ormai ha sviluppato un certo occhio nel vedere delle incongruenze. Giustifica sempre le tue dichiarazioni con dati reali. Se non è un guadagno attuale, spiega grazie a quale ragionamento hai dedotto quella prospettiva di guadagno.

  • Sii coerente

Il piano finanziario deve essere realistico, contenere informazioni reali e con relative fonti. La pianificazione finanziaria puoi definirla accurata se hai fatto una ricerca efficiente e accurata (che riporterai nel tuo business plan).

Approfondimenti

Questi 6 approfondimenti ti saranno davvero di aiuto:

Esempi di Business Plan

Se sei come me avrai sicuramente bisogno di vedere e prendere spunto dagli altri. Per questo ti ho allegato alcuni esempi reali, scaricabili gratuitamente, per comprendere meglio come fare un business plan:

Risorse utili per il tuo business

Per completare l’opera ecco alcune risorse davvero utili:

Perché averne uno?

Un business plan è importante perché ti indica la strada precisa da percorre per la tua impresa. Senza di esso:

  • Non hai un percorso chiaro nella testa.

Capita soprattutto sul lungo termine di rendersi conto di essere andato troppo fuori strada rispetto a quello che era il progetto iniziale.

  • Rischi il fallimento

Senza un business plan in caso di intoppi rischi di prendere una decisione troppo incoerente con il progetto. Soprattutto non potrai mai monitorare veramente se e di quanto hai sbagliato rispetto al piano di partenza.

  • Non puoi prevedere come andrà

Se non hai tracciato una rotta sarai in balia dei venti. Riuscirai solo ad avere una visione a breve termine e saltare di pali in frasca ad ogni cambiamento

Riassumendo

Non avere un business plan oggi per la tua attività attuale e futura è come mettersi su una barca a vela e aspettare che il vento e le maree decidano dove devi andare (e se non farti affondare). Inizia oggi stesso ha realizzare il tuo!

barra-300x6

 

Una guida da leggere assolutamente…

geniup-attivita-5-mosse

 


Giorno dopo giorno setaccio il web, alla continua ricerca di idee e casi studio interessanti.

4 commenti

come trovare lavoro · 08/12/2014 alle 18:29

Bel post interessante sul piano finanziario. Ma come faccio a sapere se il mio plan e giusto

Max · 11/12/2014 alle 13:34

ciao Christian
la verità è che non lo saprai mai fino a quando non proverai a metterlo in pratica
ci sono consulenti di altissimo livello che possono aiutarti in una compilazione più vicina possibile alle tue reali esigenze, ma sono convinto, anche per esperienza, che il business plan è uno strumento che va modificato e corretto periodicamente; deve trasformarsi in quella guida razionale (nero su bianco) che accompagna la tua creatività…
buon BP

Alberto · 14/03/2015 alle 12:40

“Non avere un business plan oggi per la tua attività attuale e futura è come mettersi su una barca a vela e aspettare che il vento e le maree decidano dove devi andare (e se non farti affondare). Inizia oggi stesso ha realizzare il tuo!”
La frase finale riassume bene il tutto!
Ottimo articolo! Grazie.

max · 20/03/2015 alle 15:27

grazie a te del contributo Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contattaci subito con Whatsapp!